CENTRO IMPLANTOLOGICO TRAMONTE del dott. Silvano U. Tramonte

English

Le protesi dentali

Si possono distinguere diverse tipologie di protesi dentali:

Protesi fissa
La protesi fissa sostituisce i denti naturali mancanti con denti artificiali definitivi e stabili. Si tratta di corone e ponti cementati ai denti naturali (preparati con apposito fresaggio) o cementate o avvitate su impianti dentali (in sostituzione dei denti naturali perduti). Si tratta di protesi non rimovibili.

ACCORGIMENTI: si provvederà all’igiene utilizzando un normale spazzolino da denti con dentifricio in pasta o gel o liquido, e scovolini di adeguata misura per gli spazi interdentali. L’uso di apparecchi idropulsori è utile ma il suo utilizzo andrebbe concertato con l’odontoiatra dato il pericolo che la potenza massima può comportare.

 

Protesi mobile
La protesi mobile sostituisce una parte o l'intera arcata dentaria e può essere rimossa dal paziente allo scopo di eseguire le ordinarie manovre di igiene quotidiana.
La protesi mobile può essere:

  • parziale: ancorata per mezzo di ganci ai denti naturali residui o di attacchi applicati a elementi protesici fissati su elementi dentari, è solitamente formata da una struttura portante metallica da cui prende il nome di scheletrato. Gli attacchi consentono di ottenere un miglior livello di stabilità funzionale e masticatoria rispetto ai semplici ganci.
  • totale: in mancanza di denti o radici naturali residue, la protesi totale in resina sostituisce una o entrambe le arcate dentarie poggiando unicamente sulle mucose che ricoprono l’osso del paziente. Nonostante la stabilità della protesi possa essere compromessa dal graduale riassorbimento osseo e la forza masticatoria sia ridotta rispetto ad altre soluzioni protesiche, la protesi totale rappresenta a tutt'oggi una soluzione economica e poco complessa per ripristinare le funzioni orali del paziente, ma necessita di processi alveolari ben conservati.
  • ritenuta: una protesi agganciata per mezzo di attacchi speciali a denti residui o a impianti appositi.

L'utilizzo di materiali innovativi, garantisce la validità funzionale, anallergica ed estetica del risultato.

ACCORGIMENTI: tutte le protesi mobili andranno deterse con gli appositi liquidi reperibili in farmacia. Eventuali concrezioni di tartaro andranno rimosse dall’odontoiatra. In presenza di impianti o denti residui, si dovrà utilizzare lo spazzolino da denti con dentifricio.

 


Protesi miste
Le protesi miste sono un connubio tra una protesi fissa parziale, montata su un certo numero di impianti inseriti nella zona anteriore, e una protesi mobile parziale agganciata a quella fissa con attacchi speciali.

ACCORGIMENTI: vale quanto detto per i casi precedenti.

 

Toronto bridge
Si tratta di una protesi particolare, costituita da una protesi fissa avvitata o cementata a un certo numero di impianti. In genere resta sollevata dalla gengiva per permettere una corretta igiene orale. Le Toronto Bridge sono:

  • complete, perché riabilitano l’intera arcata.
  • fisse, perché sono come i denti naturali.
  • su impianti, perché utilizzano degli impianti saldamente inseriti nell’osso a cui vengono collegate.
  • a carico immediato, perché entro 24-48 ore dall’inserimento degli impianti la protesi provvisoria viene ancorata agli impianti.

ACCORGIMENTI: utilizzare per l’igiene orale, spazzolino, dentifricio e scovolini che andranno passati al di sotto della protesi con particolare cura alle emergenze implantari.

 

Overdenture
È una protesi mobile, una dentiera normale che viene trattenuta alla gengiva dalla presenza di un certo numero di impianti con attacchi speciali.

ACCORGIMENTI: la protesi mobile verrà trattata come una normale protesi mobile, mentre gli impianti andranno detersi con spazzolino e dentifricio.

 

All on Four
La “All on four” è una protesi uguale alla Toronto Bridge, ma più economica, perché montata su solo 4 impianti.

ACCORGIMENTI: utilizzare per l’igiene orale, spazzolino, dentifricio e scovolini che andranno passati al di sotto della protesi con particolare cura alle emergenze implantari.

 

All on Six
La “All on six” è una protesi uguale alla Toronto bridge, montata rigorosamente su sei impianti.

ACCORGIMENTI: utilizzare per l’igiene orale, spazzolino, dentifricio e scovolini che andranno passati al di sotto della protesi con particolare cura alle emergenze implantari.

 

Qual è la reale differenza tra Toronto bridge e All on Four?
Le caratteristiche e i concetti su cui si basano questi sistemi sono gli stessi, ma l’All on Four è più veloce e costa meno. I vantaggi dell’All on Four sono molteplici, primo tra tutti il fatto di poter risolvere la mancanza di denti in una sola seduta senza dover ricorrere a innesti e prelievi di osso.

L’inserimento degli impianti ed il posizionamento della protesi provvisoria fissa avvengono nell’arco di 24 ore, riducendo anche al minimo i disagi per il paziente. Tuttavia, il Toronto Bridge trova la sua migliore indicazione per tutti i pazienti che hanno perso tutti i denti (edentuli) o che stiano per perderli in tutta la bocca o anche in una sola arcata.


L’All on four è adatta ai fumatori?
Sì, ma si tenga presente che Il fumo si comporta come un rubinetto che riduce la quantità di sangue che arriva alle ossa mascellari. Non arrivando più abbastanza ossigeno e sostanze nutritive l’osso si riduce moltissimo nelle zone posteriori, molto meno in quelle anteriori grazie all’ottima vascolarizzazione della mucosa che riveste la cavità nasale.
Questa è la zona in cui si inseriscono gli impianti secondo al metodica All on four. Quindi nei moderati fumatori si può fare, ma se si vuole che gli impianti rimangano molti anni in sede senza ammalarsi sarebbe molto meglio smettere. In ogni caso è il medico che in base alla visita e agli esami necessari valuta e decide la possibilità di fare questo tipo di intervento, anche se nel 98% dei casi è sempre possibile. Non ci sono controindicazioni relative all’età del paziente.


Perché la tecnica dell’All on four ha avuto un così grande successo?
Perché è una tecnica chirurgica rapida, ormai consolidata, relativamente semplice da eseguire e inoltre, pur essendo una riabilitazione su impianti, ha un costo notevolmente più basso di quello di una protesi tradizionale fissa su impianti. Il paziente in breve tempo riprende la sua naturale funzionalità masticatoria, ritrova il sorriso e si dimentica di aver portato una dentiera.

CREDITS | PRIVACY